Let the music play #9

Nordic atmospheres, whispers, references (stylistic too) to the “queen” Björk, contaminations, R&B influences; trying to describe FKA twing is almost impossible, but starting by these few milestones we can try to discover the artist of the moment.

English, with Jamaican and Spanish roots, FKA twigs – Tahliah Debrett Barnett – is imposing herself in music industry thanks to her “catchy pop” made by wheeze, pauses, distortions, undefined atmospheres. I personally discovered this new phenomenon during recent red carpets where her presence grabbed my attention for eclecticism and attitude.

And how could my curiosity stop just in front of few pictures? So I jumped into her Youtube channel and I immediately fall in her cage made by videos which catch your eyes, enchanting songs, refined voice and visions hang in the balance between real and surreal.

FKA twigs is the artist to keep in the ears; surely her songs are not simple and easy ones, have not refrains to sing under the shower, but are so deep and captivating that let no rescue from being grab by her World.

Enjoy!

white

Atmosfere nordiche, sussurri, riferimenti (anche stilistici) alla regina Björk, contaminazioni, influenze R&B; descrivere FKA twigs non è facile, ma da questi pochi punti fermi si può partire per scoprire l’artista del momento.

Inglese dalle origini giamaicane, ma anche un po’ spagnole, FKA twigs – Tahliah Debrett Barnett – si sta imponendo nel campo musicale grazie al suo “catchy pop” fatto di sospiri, pause, distorsioni, atmosfere indefinite. Personalmente ho scoperto questo nuovo fenomeno durante alcuni recenti red carpet in cui la sua presenza ha attratto la mia attenzione per eclettismo e personalità.

E come poteva la mia curiosità fermarsi a delle semplici foto? Così ho aperto il suo canale Youtube e sono caduta nella sua trappola fatta di video che catturano l’attenzione, pezzi coinvolgenti, voce delicata e immagini fatte di visioni tanto reali quanto surreali.

FKA twigs è l’artista da tenere all’orecchio; di certo le sue canzoni non sono leggere e fatte di ritornelli da canticchiare sotto la doccia, ma sono così intense e coinvolgenti che non lasciano scampo dal suo mondo.

Buon ascolto!

 

Posted in Almost Insiders | Tagged , , , , | Leave a comment

Bom dia Paula!

When Brazilian joy and colours perfectly blends with the Italian knowledge, that everyone crave, the result it’s an explosive style weapon.

This explosive combination become so burning that none can live without a Paula Cademartori bag; every respectable it-girl have one in the closet and every “mere mortal” dreams hundreds of them.

The architect of these delights have Italian-Brazilian birth and after her overseas studies decided to specialize in Italy studying at Istituto Marangoni in Milan attending the Fashion Accessories Master; by this, her career began, first like collaborator for Versace accessories then like creator of her own line. Paula Cademartori brand born in 2010 making his debut in 2011 during “Who’s on Next?” and since then her progressive success never stopped.

Commonly contaminations gives a various, and somehow special, creative background (when you manage at best); with her collections Cademartori successfully transmitted the Sixties atmosphere of elegance and tradition, combining it through innovation and taste to rainbow colours and Made in Italy ability, creating handcrafted unique, timeless and quality pieces.

Each piece is conceived like a proper design object that needs to respond to beauty standards, as much as be functional and therefore it require detailed study. For example, the front buckle, developed and created by the same designer, perfectly responds at functionality concept but in the same time it identify the bag through that little and precious detail that enhances the beauty without showing off. Quickly recognize a Cademartori bag during a random “The Carries Diaries ” episode, thanks to that little metal detail, make me understand even more how is important to take care about every single detail to create a unique, recognizable and iconic product.

This big success is always moving and evolving ready to give us more surprises, very soon indeed will arrive the first shoes collection marked Cademardori that will surely follow her iconic values and her attitude towards products that will conquer us (we, upon trust, already love them!).

 

values

 

white

 

Quando la gioia e i colori del Brasile si fondono perfettamente con quel saper fare italiano invidiato da tutti ciò che ne vien fuori è un’arma di stile esplosiva!

Questa combinazione sta diventando così deflagrante che nessuno può più fare a meno di una delle borse di Paula Cademartori; ogni it-girl che si rispetti oramai ne ha una nell’armadio e noi “comuni mortali” ne sogniamo cento.

L’architetto di queste delizie da mostrare ha origini italo-brasiliane e dopo i suoi studi al di là dell’Oceano decide di specializzarsi nella capitale della moda milanese in Industrial Design partecipando ad un Master in Fashion Accessories presso l’Istituto Marangoni; inizia così la sua carriera prima come collaboratore per la sezione accessori della casa di moda Versace poi come creatrice della sua stessa linea. Il marchio Paula Cademartori, fondato nel 2010, debutta nel 2011 partecipando a “Who’s On Next?” e da lì inizia la sua scalata verso il successo. Spesso accade che le contaminazioni donino un background creativo variegato, e in qualche modo speciale (quando si riesce a sfruttare al meglio); con le sue collezioni la Cademartori è riuscita a trasmettere l’atmosfera anni Sessanta di eleganza e tradizione, miscelandola con modernità e gusto, a colori degni del più bell’arcobaleno e sfruttando la capacità del Made in Italy di creare artigianalmente pezzi unici, senza tempo e di qualità.

Ogni pezzo viene concepito come un vero e proprio oggetto di design che deve rispondere sì ai canoni di bellezza e piacevolezza, ma che deve assolutamente essere funzionale e come tale essere studiato nei minimi dettagli. Ad esempio, quella fibbia di apertura concepita e disegnata dalla stessa designer che risponde benissimo alla sua funzionalità intrinseca, cerca allo stesso tempo di rendere questi accessori riconoscibili da quel piccolo e prezioso dettaglio che ne esalta la bellezza senza ostentazione. Individuare una borsa targata Cademartori in un nanosecondo durante una puntata a caso di “The Carries Diaries” mi ha confermato quanto sia importante prendersi cura del prodotto fino alla più piccola cucitura per renderlo unico, riconoscibile ed iconico.

Questo grande successo è in continuo movimento, in evoluzione ed è pronto a regalarci altre sorprese, infatti a breve arriverà la prima collezione di scarpe della designer che di certo seguirà coerentemente i suoi valori e il suo atteggiamento nei confronti del prodotto e che ci farà cadere ai suoi piedi per bellezza e funzionalità (già sulla fiducia ci piacciono!).

Valori

Fonts:  paulacademartori.com
christinapitanguy.com

DAISY F/W 2014-15

DAISY F/W 2014-15

PETITE FAYE F/W 2014-15

PETITE FAYE F/W 2014-15

SYLVIE F/W 2014-15

SYLVIE F/W 2014-15

TATIANA PRE-S/S 2015

TATIANA PRE-S/S 2015

DUN DUN PRE-S/S 2015

DUN DUN PRE-S/S 2015

ALICE S/S 2015

ALICE S/S 2015

MAXY SYLVIE S/S 2015

MAXY SYLVIE S/S 2015

PETITE IVY S/S 2015

PETITE IVY S/S 2015

Images from paulacademartori.com
Posted in Almost Insiders | Tagged , , , , , , , | Leave a comment

What I may wear?! #5

Spring signed the start on the calendar and our mind is ready to catch all the warmth and sun will come, to bare legs, pull up the sleeves and get out for long walks. After all these good expectations you anxiously look out of the window during the first Sunday of the season and…rain is served! Cold, black and wet; this is it, but not for our bidimensional friend that, with no care for the actual weather, tried to keep her outfit as spring inspired as possible with flowers, colors, mini skirts, no tights and casual clothing for an outdoors afternoon.

white

La Primavera ha segnato il suo inizio sul calendario e la nostra mente è già pronta a prendere tutto il caldo e il sole che c’è, a scoprire le gambe, a tirar su le maniche e ad uscire per lunghe passeggiate. Poi tiri un occhio fuori dalla finestra durante la prima domenica di primavera e la pioggia è servita! Freddo, nero e bagnato; così è, ma così non è stato nella testa della nostra amica bidimensionale che, noncurante delle intemperie, ha cercato di rendere più primaverile possibile il suo primo outfit del weekend con qualche  fiore, colore, gonne e corte, niente calze e semplicità.

white

WIMW5

Posted in Almost Insiders | Tagged , , , , , , | 5 Comments

The waist

Admit: follow the fashion changes it’s an hard work because they run always faster and they can be too extreme, but harder is follow the pants or skirts waist height.

Low, super-low, high, super-high, the height is what immediately comes to eyes during fashion shows and that, in a rush, is absorbed on the streets; maybe because it’s unconsciously part of our everyday life already.

We are all been through our low-waist [edge-of-decency] time. Sometimes we can still see it around because hard to die costume, but I have a vivid remember of my High School period when my trousers (especially jeans, because skirt were not allowed) had super-low waist risking bare butt that I tried to avoid using the belt loop like a tie-rod. Apart from this the low waist left behind tons of big “love handles” on the hips, and bunch of awful photos; sometimes I look at them and I say “Sweetie, the low waist was not for you!”.

The low trend keep its charm for a long time, in my closet too until I didn’t realised that was time to change.

So, gradually, thanks to growing aware I started to wear high waist skirts, button them up higher and higher, and feeling better understanding that this kind of garments gave me a touch of beauty, charm and style. Unique issue: where I can find trousers or jeans which responds to these “super-high waist” demands? From last year jeans are shyly recovering an higher-waist, even if for me it’s always hard to find ones who really satisfy me. In my closet I have a couple of these (unfortunately) one of which, the dreaming Monki one, I jealousy keep and maintain – as if it is a diamond – to avoid losing their perfect shape…the madness!

white

Ammettiamolo: star dietro ai cambiamenti della moda è sempre difficile perché troppo veloci e a volte anche troppo azzardati, ma ciò che sembra essere ancor più complicato è star dietro all’altezza di pantaloni o gonne che siano.

Bassa, bassissima, alta, estrema, l’altezza della vita è ciò che sobbalza all’occhio immediatamente durante una sfilata e che, con la stessa velocità, riesce ad essere ben “assorbita”; forse perché già inconsapevolmente presente nella nostra quotidianità.

Abbiamo tutti attraversato il momento della vita bassa a fior di decenza. A volte capita ancora di vederne in giro perché abitudine dura a morire, ma ricordo che durante il periodo delle Scuole Superiori i miei pantaloni (perché non era prevista l’esistenza delle gonne) erano assolutamente bassi, sempre più bassi, a rischio sederino scoperto che cercavo di evitare con quel movimento manuale classico che sfruttava i passanti della cinta come tiranti. Oltre a questi piccoli inconvenienti la vita bassa ha lasciato dietro di sé una scia di maniglie dell’amore a livello cinta e un quintale di foto orrende; ogni volta che le riguardo mi viene da dire: “Ciccia, la vita bassa non ti stava per niente bene!”.

Il trend basso ha resistito per molto tempo, e anche nel mio armadio ne è passato di tempo prima di capire che tutto ciò non era adatto a me!

Ma piano piano, grazie alla scoperta della gonna e alla mia consapevolezza crescente ho iniziato ad indossarle, ad allacciarle sempre più in alto, a sentirmi sempre meglio e capire che la vita alta – altissima – dona alla figura una marcia in più. Unico problema: dove trovare pantaloni o jeans che rispettino questa mia volontà di “super-high”? Timidamente da un anno a questa parte oramai i pantaloni stanno riacquistando un’altezza decente, anche se è sempre difficile trovarne di veramente soddisfacente. Nel mio armadio ce ne sono solamente due (purtroppo) di cui uno, il jeans dei miei sogni trovato da Monki, che tengo e mantengo – neanche fosse un diamante – gelosamente per evitare che perda la sua forma perfetta…la pazzia!

Britney Spears and her belly show [image from Google]

Britney Spears and her belly show
[image from Google]

Mugler  (collection Resort S/S 2015) [image from Style.com]

Mugler
(collection Resort S/S 2015)
[image from Style.com]

Monki jeans  [image from monki.com]

Monki jeans
[image from monki.com]

 

 

Posted in Almost Insiders | Tagged , , , , , , | Leave a comment

Going personal

 

[image from Google]

[image from Google]

 white

WARNING: what follows it’s an outburst, a waterfall of thoughts, running words like blood in the veins, reflections, it’s like an exorcism, a kick in the face to my fears, a way to feel less alone.

“What do you want to do when you grow up? Which were your childhood dreams? Isn’t late to begin any type of career?

We are all swamped of questions that try to define, classify, judge us for what someone else think to understand after few minutes of face to face chat, and my distress jump sky-high.

Honestly I’m tired listening these questions e feeling blame about the fact that I still don’t know exactly what damn do with my life; why don’t you just try to take me like I am? Why don’t you just trying to understand WHO and don’t WHAT? You’re free to escape, but avoid to stare judging like the King of Askew Word.

If I should picture my childhood dreams would be a waste of time because I’ll realise that I’ve never had particular dreams or long terms goals to achieve, I was better than today in living the moment (although there were peaks of hysterical fear of the future). And if we add the strongest feelings of fear and disillusion, which crush the joy and satisfaction of goal achievement, that’s it; a bad thoughts orgy will invade the dream’s space turning it into nightmare’s aquarium where are all joined under the same animal desire to destroy you.

Why I should bound me into an only choice? I like tons of different things, I’ll would lay hand (more and less) on everything and don’t let my curiosity die. Hence why I should try to be someone else to be respected out there? Why I should pretend to be happy to be classified into your anxious forms and waiting to be appreciate by you?

By now my fears are laughing at me, square dancing with my anxieties; they left me there thinking unable to act, overthinking about how the things didn’t gone like you hoped and about how every hitch are well studied to ruin you. But step by step, and respecting my times, I’ll try to reach the famous path.”

Specification: usually I’m funniest.

white

AVVERTENZA: Ciò che segue è uno sfogo, una cascata di pensieri, parole in circolo come sangue nelle vene, riflessioni, è un metodo di esorcizzazione, un calcio in faccia alle paure, un modo per sentirsi meno soli.

“Cosa vuoi fare da grande? Cosa sognavi di fare quando eri piccolo? Ma non è tardi per iniziare la tua carriera?

Insomma siamo sommersi di domande che cercano di definirci, catalogarci, giudicarci per ciò che credono di capire grazie a cinque minuti di incontro faccia a faccia, e la mia angoscia salta alle stelle.

Sì, perché onestamente sono stanca marcia di sentire queste domande e sentirmi sotto accusa per non aver ancora capito cosa diavolo farne di me; perché non cercate di prendermi così come sono? Perché non evitare di definire le persone in base a cosa fanno e magari sforzarsi di capire CHI sono? Siete liberi di scappare, ma evitate di star lì a giudicare come se foste i re del mondo storto.

Se mi fermassi un attimo cercando di visualizzare i sogni che avevo da piccola sarebbe tempo perso perché alla fine realizzerei il fatto di non aver mai avuto sogni particolari o obiettivi a lungo termine da rispettare, ero molto più brava di ora nel vivere il momento (anche se con picchi di isterica paura del futuro). Quando poi il sentimento di paura e delusione è più forte della gioia e della soddisfazione che si prova al raggiungimento di un obiettivo il gioco è fatto; un’orgia di pensieri negativi invadono lo spazio dei sogni e li trasformano in incubi in cui tutti sono uniti sotto la stessa animale voglia di distruggerti.

Poi perché dovrei limitarmi ad una sola scelta? A me piacciono un milione di cose, vorrei metter mano (più o meno) dappertutto e non lasciar scadere la mia curiosità. Insomma perché dovrei essere qualcun altro per farmi rispettare là fuori? Perché dovrei fingere di essere felice di essere catalogata nelle vostre tabelle ansiogene e aspettare che siano di vostro gradimento?

Oramai le mie paure si stanno prendendo gioco di me, ballano la quadriglia con le mie ansie, mi lasciano lì a pensare senza riuscire ad agire, a rimuginare su come le cose non siano andate per il verso che dovevano prendere, su come ogni imprevisto è stato ben studiato per rovinarti; ma piano piano, rispettando i miei tempi, riuscirò ad acchiappare la famosa strada.

Specifica: di solito sono più simpatica.

 

Posted in Almost Insiders | 1 Comment